Estate 2024 secondo ENIT
Markting Territoriale

Estate 2024 secondo ENIT, eventi trainano il turismo

Cosa si prospetta per la bella stagione appena arrivata, Estate 2024 secondo ENIT.

L’estate 2024 si prospetta ricchissima di eventi. Oltre 4000 tra festival, conferenze, concerti e manifestazioni sportive. Iniziative che risulteranno attrazione per più di 28 milioni di visitatori nazionali ed internazionali fino a settembre.

Tradizioni e Borghi: estate 2024

Interessanti identità, radici, tradizioni locali che nei borghi sono da considerarsi un importante elemento attrattivo. Destinazioni più o meno conosciute, sagre e feste di paese che potranno segnare un incremento di + 63,8% rispetto al 2023. In generale, sono 20 mila le sagre realizzate ogni anno in Italia, per le quali si contano 48 milioni di visitatori, perlopiù giovani (31%) e famiglie (45%).

Due eventi trainanti secondo ENIT: eventi sportivi e spettacoli musicali

A trainare significativamente il turismo saranno circa 290 eventi sportivi che coinvolgeranno più di 17 milioni di presenze, e 2000 spettacoli musicali che coinvolgeranno oltre 5 milioni di persone. Inoltre, 3,5 milioni di spettatori parteciperanno ai concerti classificati a medio impatto e quasi un milione a quelli di alto impatto.

Importanti anche 100 esposizioni e 800 festival che attireranno rispettivamente 1,7 e 3,7 milioni di partecipanti. Pare che i passeggeri attesi negli aeroporti italiani tra giugno e settembre siano circa 1,6 milioni, circa l’82% di provenienza estera.

I borghi minori e il turismo sostenibile

“Il turismo sostenibile e la valorizzazione delle tradizioni creano un connubio perfetto per sostenere l’economia locale e attrarre un pubblico più giovane interessato alle proprie radici. Con oltre 800 eventi previsti sul territorio, sportivi, musicali, culturali, l’Italia conferma di avere le leve più giuste per diversificare i driver della motivazione al viaggio e attrarre sempre più turisti stranieri anche sulle aree interne e meno conosciute dove risiedono le più autentiche tradizioni culturali, artistiche ed enogastronomiche dell’Italia, permettendoci di fare scelte realmente sostenibili, allargare la stagione e generare sviluppo economico ed occupazionale attraverso il turismo”, spiega il presidente ENIT Alessandra Priante.

Interessante quindi il cammino che vede coinvolta l’intera Italia ove le località minori diventano sempre più simbolo di autenticità da sperimentare e vivere. L’estate 2024, sarà a riguardo un momento interessante per il turismo italiano.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao😃